fbpx
Aut.Decr.Reg.Lazio - Accreditato con il S.S.N (Servizio Sanitario Nazionale) - Associato F.O.A.I. (Federazione degli organismi per l’assistenza delle persone disabili)
UNI EN ISO 9001 EA 38

MDMA(Metilenediossimetanfetamina)

La MDMA, più comunemente conosciuta come ECTASY, si è diffusa intorno agli anni ’90 ed è maggiormente presente in discoteca, concerti e rave; l’assunzione avviene sotto forma di pasticche, disciolta in liquidi o in pochi casi fumata.

I suoi effetti iniziano da 30 a 60 minuti dopo l’ingestione e la durata oscilla dalle 4 alle 6 ore. Chiaramente, essendo uno stupefacente, l’abuso può portare a rischi e gravi danni per la salute, sia a livello fisico che cerebrale.

Tra i sintomi più frequenti si riscontra uno stato di eccitazione e disibinizione che facilita le relazioni e la vicinanza interpersonale. L’uso costante e continuo di tale sostanza determina problemi simili a quelli delle anfetamine e ovviamente la dipendenza; in alcuni casi è possibile che si sviluppi una psicosi paranoidea e può verificarsi anche un declino cognitivo con un uso ripetuto e frequente.

Ma come agisce sul sistema nervoso? L’MDMA agisce aumentando la presenza di serotonina (sostanzache la funzione di controllo sull’umore, le emozioni, l’aggressività, il sonno, l’appetito, l’ansia, ecc.) e ciò sprigiona una forte sensazione di benessere, empatia, abbassamento delle difese emotive e comunicative e una maggior percezione di ritmo e musica.

Alcuni psichiatri, specialmente in America, stanno sperimentando l’utilizzo di questa sostanza su pazienti con problemi di ansia sociale, in contemporanea, si ricerca anche come rendere sicuro l’utilizzo di questa sostanza, dato che, anche se dovesse risultare efficace per la cura di questo tipo di disturbo, il rischio sarebbe quello di indurre al contempo una dipendenza, quindi un disturbo di addiction da MDMA.

Lo sapevi che:

  • Esistono fondati motivi di credere che, a lungo termine, l’uso di ecstasy possa condurre a patologie neuropsichiatriche come il morbo di Parkinson.
  • La dipendenza da tali sostanze è esclusivamente psicologica (nonostante occasionali situazioni di emicrania e depressione in assenza di assunzione).

Dubbi e domande:

Mario, 23 anni
È illegale coltivare i “funghi magici” in Italia?…


In questa scena del film “Bad boys 2” Marcus ha preso l’ecstasy…