Aut.Decr.Reg.Lazio - Accreditato con il S.S.N (Servizio Sanitario Nazionale) - Associato F.O.A.I. (Federazione degli organismi per l’assistenza delle persone disabili)

Il processo grafico del bambino autistico in correlazione con alcuni indici di sviluppo

Di Renzo M., Marini C., Bianchi di Castelbianco F., Racinaro L., Rea M., “Correlations between the Drawing Process in Autistic Children and Developmental Indexes”, Journal of Psychology & Psychotherapy, 2017, 7, 2 (291), pp. 1-9.

Leggi l'articolo originale

In età evolutiva la rappresentazione grafica costituisce uno dei migliori strumenti per valutare il livello di maturazione raggiunto dal bambino nei vari ambiti dello sviluppo. Nella ricerca viene valutato un campione di 84 bambini di età compresa tra i 2.5 e i 15 anni con diagnosi di autismo valutata da un team esperto per evidenziare il livello grafico raggiunto e la correlazione con la gravità della sintomatologia autistica valutata con l’ADOS e con il livello cognitivo valutato con la scala Leiter-R ( scala cognitiva non verbale). Il livello grafico è stato osservato in produzione spontanea stabilendo una scala che va dalla presenza di scarabocchio incontrollato alla strutturazione dello schema corporeo, tenendo conto anche delle stereotipie che possono produrre delle ecografie simili alle ecolalie presenti nel linguaggio verbale. Dai dati è emersa una correlazione significativa tra la produzione grafica e la componente Affetto-Sociale dell’ADOS a dimostrazione che il ritardo nel disegno è fortemente influenzato da una inibizione emotiva oltre che intellettiva. Attraverso alcuni esempi di rappresentazioni grafiche viene evidenziato anche la relazione tra disegno ed età cronologica e la differenza che emerge tra produzioni grafiche effettuatein ambito valutativo e quelle che prendono vita in un contesto terapeutico.

Collaborazioni Scientifiche
Newsletters tematiche di divulgazione